Vincere il cancro. Pedalata solidale fino a Capo Nord

DUEVILLE. È stato aperto un conto per sostenere gli "Amici del 5° piano"
Dopo aver sconfitto un tumore la 56enne Loretta Pavan affronta 4 mila chilometri assieme a Giuseppe Rizzotto «Raccoglieremo fondi per l'oncologia del San Bortolo»

Loretta Pavan torna in sella per combattere il cancro pedalando da Dueville fino a Capo Nord. È questa la nuova sfida della ciclista duevillese che, dopo aver sconfitto il tumore, ha affrontato varie imprese in bicicletta tra le quali la recente scalata, per ben 56 volte, del Monte Grappa. Il 26 luglio partirà da piazza Monza con Giuseppe Rizzotto, ciclista già noto in paese per le lunghe distanze coperte su due ruote. La prossima estate i due percorreranno 4.200 chilometri e 30 mila metri di dislivello, attraversando dieci nazioni, per raccogliere fondi a favore degli "Amici del 5° piano", gruppo formato da pazienti attualmente in cura nel reparto di oncologia dell'ospedale San Bortolo di Vicenza e da persone che sono riuscite a sconfiggere la malattia. «Giuseppe e io prenderemo parte all'evento di ultracycling North Cape 4000 che partirà il 28 luglio da Arco, sul lago di Garda. Noi, però, inizieremo da Dueville», spiega la 56enne Pavan. «Affronteremo in completa autonomia questa traversata continentale superando le Alpi e transitando, tra le varie nazioni, per Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Estonia, Finlandia e Norvegia - aggiunge -. Vorremmo impiegarci tra i 15 e i 16 giorni: questa è una sfida con noi stessi, ma è soprattutto un'iniziativa sportiva tramite la quale intendiamo finanziare le attività degli "Amici del 5° piano". Avremo un codice personale che permetterà a chi ci segue da casa di tracciare i nostri spostamenti con il Gps. Tramite bonifico bancario sarà possibile "acquistare" le nostre pedalate e i nostri chilometri per sostenere il gruppo nato all'interno dell'oncologia di Vicenza. Ringraziamo eventuali sponsor che volessero condividere questa esperienza solidale (scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)». La presentazione della Dueville-Capo Nord è avvenuta nella cena di beneficenza "Chef per Bene", promossa dagli "Amici del 5° piano", a villa Pisani a Bagnolo di Lonigo. «È la prima volta che affronto una distanza così impegnativa: voglio riuscire a farcela, sia per me che per il gruppo», aggiunge Loretta. Nelle scorse settimane Pavan e Rizzotto hanno dato il via alle prove tecniche per l'impresa, pedalando da Dueville fino a Roma. «Di notte, sulla Flaminia, riflettevo sul sole che in poche ore sarebbe sorto. Poi ho pensato che spesso al quinto piano chi combatte il cancro non sa quando arriverà la mattina e quando finirà il buio che sta vivendo», evidenzia Giuseppe Rizzotto. «Questo pensiero mi ha dato la spinta per affrontare la Dueville-Capo Nord. Il traguardo sarà sia fisicamente che mentalmente a molti chilometri di distanza. Inoltre, se riusciremo a spronare la gente a effettuare donazioni, saremo ancora più felici», conclude Rizzotto. Nei prossimi mesi la coppia di ciclisti si preparerà assieme, macinando chilometri, testando la disposizione delle borse ma anche il funzionamento delle luci e dei mezzi.

Tagged under: solidarietà sport

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.