Una struttura protetta per il giovane accoltellatore

DUEVILLE. Ora in cella

Una struttura protetta dove iniziare un percorso psicologico e dove scontare la detenzione agli arresti domiciliari. Potrebbe essere questa la decisione che in settimana prenderebbe il tribunale che nei giorni scorsi, tramite il gip Massimo Gerace, ha firmato l´ordine di custodia cautelare in cella per tentato omicidio pluriaggravato dal rapporto di parentela e dalla premeditazione a carico di Luca Cerasoli di 21 anni. Lo studente universitario di Lettere in preda all´odio nei confronti del padre, ha progettato di ucciderlo e quindi di simularne il suicidio a Povolaro di Dueville. Il folle piano è fallito perchè le coltellate non sono state per fortuna letali e il genitore ha dato l´allarme. Ora Marco Cerasoli, 50 anni, è ricoevrato in terapia intensiva al San Bortolo e sta migliorando. la prognosi è ancora riservata, ma è in netta ripresa e a breve potrebbe essere interrogato. I difensori del giovane a breve presenteranno l´istanza dei domiciliari.

Tagged under: delitto povolaro

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.