Un´ingenuità formale non può offuscare quanto fatto di buono

Lettere al giornale

Nota del webmaster: Giusy Armiletti, sindaco di Dueville, risponde con questa lettera a "Il giornale di Vicenza" a questo articolo dove si ironizzava su una allegra amministrazione pressapochista nel nostro comune.

Il Comune di Dueville un carrozzone guidato da persone pressappochiste, superficiali? Una gestione allegra della cosa pubblica, alla "pummarola ´n coppa"?
Nell´esprimere incredulità di fronte a queste accuse così gratuite (vedi Giornale di domenica 8 marzo, pagina 27), non suffragate da dati concreti se non, credo, il rincorrere un attacco meramente politico da parte dei gruppi di minoranza, chiedo gentilmente lo spazio per potervi raccontare, con qualche dato, l´Amministrazione comunale di Dueville.

Dal 2004 al 2014 è sempre stato rispettato il patto di stabilità, i mutui sono scesi da 5.466.884 euro a 1.360.674 euro; il rapporto degli interessi dei mutui sulla spesa corrente è passato dal 4,42 all´1,37; non si è mai fatto ricorso all´anticipazione di tesoreria, si è recuperata Ici evasa per 1.000.735 euro; si sono pagati in conto capitale, sempre nel periodo considerato, 27.390.253 euro.
Negli anni è diminuita la spesa di personale, mantenendo e anzi aumentando i servizi offerti.
La gestione finanziaria del nostro Comune è solida, molto solida, e non crediamo che una ingenuità formale, che di fatto non ha comportato un danno per l´ente e i cittadini stessi possa essere così forte da offuscare l´ottimo lavoro che Amministratori e funzionari hanno svolto in questi anni.
Il parere dato dal revisione dei conti su alcuni atti era successivo a pareri di legittimità dati dal ragioniere capo e dal aegretario comunale: non teniamo in alcun conto il loro giudizio?
Un revisore dei conti particolarmente preparato, pignolo e attento alle norme. Il suo giudizio infatti legittimava gli atti nei confronti delle norme vigenti.
Sia a lei che all´assessore Lionzo voglio rinnovare pubblicamente la mia stima per la loro competenza e preparazione.
Ci stiamo difendendo per non ammettere la nostra ingenuità? Nossignori, l´abbiamo riconosciuto pubblicamente e nella rete delle responsabilità, se mi permettete, includo anche il Gruppo consiliare Dueville Futura: anche loro, come noi, conoscevano il grado di affinità tra assessore e revisore, ma l´hanno rilevato solo un giorno prima della scadenza naturale della nomina.
Sono portata a credere che anche da parte loro si ignorasse questa incongruità e non ci avessero pensato, altrimenti avrebbero sollevato il caso politico ben prima di adesso.
Infine, da rappresentante delle istituzioni, sono io la prima a chiedere che si faccia chiarezza e non resti nessun tipo di ombra su questa vicenda: voglio essere io, e non la minoranza, ad invitare l´illustrissimo signor prefetto a richiederci tutte le spiegazioni che riterrà opportune, su quanto successo a Dueville.
Giusy Armiletti
Sindaco di Dueville

Tagged under: lettere Giusy

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.