Treni, la Regione deve intervenire sui bus sostitutivi

DUEVILLE. A un mese dall´inizio delle scuole

Appello del consigliere Fracasso a Zaia per la linea Vicenza-Schio

«Che ad un mese dall´inizio del nuovo anno scolastico le famiglie non sappiano ancora se ci saranno o meno i bus sostitutivi dei treni nella fascia mattutina non è accettabile, dal momento che Trenitalia lavora in Veneto con un contratto della Regione ed è dunque tenuta a rispondere di quello che fa».

Il consigliere regionale del Partito democratico Stefano Fracasso interviene sulla vicenda dei bus sostitutivi per Schio, che a dispetto del fatto di essere annunciati nel tabellone cartaceo delle stazioni, sono invece assenti nell´orario ufficiale online. Nel farlo, Fracasso si appella direttamente al presidente del Veneto.
«Visto che attualmente è Luca Zaia ad aver la delega alla mobilità - prosegue Fracasso - credo sia giusto che faccia qualcosa per smuovere una situazione stagnante ormai dallo scorso anno».
Il consigliere Fracasso fa riferimento alla firma del protocollo d´intesa avvenuta nel luglio 2013 quando i sindaci, tramite la Regione, fecero una serie di richieste a Trenitalia per migliorare l´osteggiato orario cadenzato e rendere meno problematiche le corse del mattino, con l´aggiunta di ulteriori treni o di corse sostitutive con i bus.
«Ora - insiste Fracasso - visto che non è possibile potenziare la tratta senza investimenti, è il momento che la Regione si decida a sostenere economicamente il rilancio della Vicenza-Schio, fondamentale per i cittadini».

Tagged under: treno

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.