Topi d'auto scatenati al Bosco

Segnalati più episodi nell'ultimo mese e a farne le spese sono soprattutto gli amanti delle passeggiate

Sabato i ladri hanno preso di mira tre vetture rompendo i finestrini e rubando ciò che era all'interno. Il sindaco: «Servono telecamere»

Con l'avvento della bella stagione sono molte le persone che durante il fine settimana frequentano il bosco di Dueville per passeggiare in mezzo alla natura. Le auto vengono lasciate per qualche ora in via Bissolati, nella curva in cui la strada da asfaltata diventa bianca, o nel parcheggio in prossimità di via Bosco, aL confine con Villaverla. Nell'ultimo mese, però, per alcuni automobilisti le passeggiate hanno avuto un pessimo epilogo. Le automobili incustodite, infatti, sono diventate i ghiotti bersagli di un gruppo di ignoti che dopo l'effrazione saccheggia borse e borselli lasciati, anche celati, sotto ai sedili o nel bagagliaio. Un mese fa erano stati rubati un portafoglio con contanti e un cellulare - per un valore complessivo che supera i 500 euro - da un'auto parcheggiata nella curva di via Bissolati. Lo scorso sabato, invece, poco dopo le 15 sono stati ridotti in frantumi i finestrini di tre mezzi, posteggiati nello stesso punto. Dopo aver aperto le portiere, i ladri si sono quindi dedicati ad una veloce ispezione dell'abitacolo, arraffando contanti e oggetti di valore trovati nelle borse. Commesso il misfatto, gli ignoti si sono poi dati alla fuga dirigendosi verso via Sega. Stando alle ricostruzioni, sarebbero scappati a velocità sostenuta a bordo di una Fiat Punto di colore verde e, percorrendo una curva a gomito, avrebbero addirittura rischiato di investire un uomo in bicicletta proveniente dall'opposto senso di marcia. Fortunatamente il ciclista è riuscito a scansarsi in tempo, evitando di essere travolto: a bordo della punto avrebbe visto tre ragazzi di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Tornati alle vetture, i proprietari hanno trovato i borselli vuoti a terra, abbandonati sopra al vetro andato in frantumi. Per il momento i fatti non sono stati denunciati né ai carabinieri della tenenza di Dueville né alla polizia locale del distaccamento di Monticello Conte Otto. «Non sono a conoscenza se questi ultimi deplorevoli episodi sono già stati segnalati alle forze dell'ordine», dichiara il sindaco Giusy Armiletti. «Le denunce sicuramente ci aiuterebbero a valutare l'entità del fenomeno e a studiare delle possibili ed efficaci soluzioni. Questo è un problema che riguarda il territorio a cavallo tra Dueville e Villaverla: come amministrazione comunale abbiamo già ipotizzato l'installazione di alcune telecamere sul suolo pubblico duevillese. Inoltre il bosco è spesso controllato dai carabinieri e dagli agenti di polizia locale che hanno intensificato i pattugliamenti».

Tagged under: bosco furti

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.