Tenenza, nuovi problemi Ora infiltrazioni d'acqua

Criticità rilevate dalle Amministrazioni a meno di quattro anni dall'inaugurazione

Si rendono necessari interventi nei garage, al parquet degli alloggi dei carabinieri, nelle cantine, all'impianto di riscaldamento idrico e anche all'allarme antincendio

 Infiltrazioni d'acqua nei garage, imposte danneggiate e il parquet rigonfio nell'immobile adibito a residenza, oltre alla necessità di eseguire alcuni lievi interventi sul calcestruzzo dei pilastri e delle travi a vista anche per la tenenza dei carabinieri. Sono solo alcune delle criticità che, a poco meno di quattro anni dall'inaugurazione, presentano i due edifici di via della Repubblica a Dueville che ospitano i militari operativi nei territori di Dueville, Montecchio Precalcino, Monticello Conte Otto, Caldogno e Costabissara. «L'obiettivo delle 5 Amministrazioni comunali, con la scelta di disporre accertamenti e diagnosi effettuate negli ultimi mesi, vanno in un'unica direzione: riuscire ad arrivare a definire di quale natura sono le criticità finora rilevate nella struttura della tenenza e negli alloggi», spiega il primo cittadino duevillese Giusy Armiletti. «Vogliamo cioè capire se possono essere dovute a eventuali errori di progettazione, eventuali carenze in fase costruttiva o di direttive esecutive oppure se rientrano nelle normali manutenzioni ordinarie e straordinarie delle quali necessita ogni edificio, seguendo un apposito piano di manutenzione». Le verifiche sugli stabili hanno evidenziato la necessità di effettuare interventi sul calcestruzzo dei pilastri e delle travi a vista nell'interrato della residenza e della caserma, oltre a eseguire - a seguito dei primi carotaggi disposti dalla procura di Venezia - la riparazione delle aree interessate da questi accertamenti. Inoltre i Comuni hanno rilevato, nell'immobile adibito a residenza dei militari, infiltrazioni di acqua nei garage e nelle cantine, oltre alle necessità di verificare la pressione dell'acqua negli alloggi e di sostituire l'impianto di riscaldamento dell'acqua. Le segnalazioni indicherebbero anche che le imposte delle finestre risultano danneggiate, il parquet è rigonfio in alcuni punti degli appartamenti, i coperchi dei pozzetti in cemento nella zona giardino presentano spaccature con pericolosi rialzi e l'allarme antincendio del seminterrato è malfunzionante. «I Comuni intendono farsi carico solo degli interventi legati alla dovuta manutenzione», aggiunge Armiletti. «Il nostro auspicio è che si possa arrivare, a breve, con i progettisti, il direttore dei lavori e l'impresa che si è occupata dell'ultimazione delle opere a un confronto obiettivo e costruttivo». Nelle scorse settimane sia lo studio Altieri, per la parte progettuale, che Pernechele Costruzioni, per quella di realizzazione, sono stati contattati dal Comune duevillese. «Stiamo creando un tavolo di lavoro per risolvere i problemi emersi», conclude il sindaco. «Siamo intenzionati a chiudere questa vicenda entro la fine dell'anno e ad andare fino in fondo, preferibilmente in via bonaria».

Tagged under: caserma

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.