Scommesse sportive ma non era autorizzato

Avrebbe avviato un´attività di raccolta di scommesse sportive non autorizzata. È la contestazione relativamente alla quale la procura ha avviato accertamenti a carico di Luca Antonio Bortoliero, 33 anni, residente a Dueville.
Nel gennaio scorso, nel corso di un controllo compiuto dalla polizia giudiziaria, gli inquirenti si recarono nell´esercizio pubblico con insegna “Stanley belt” che sorge a Dueville in via Santa Fosca.
Secondo quanto è stato poi ricostruito, Boscoliero avrebbe avviato l´attività in assenza della necessaria autorizzazione che viene rilasciata dall´amministrazione dei Monopoli di Stato, e della licenza prevista ancora da un regio decreto del 1931. Ciononostante, come detto, nel locale venivano accettate le scommesse sugli eventi sportivi, con elaborazione e registrazione elettronica dei dati delle giocate. Per questo genere di violazioni, il procuratore Ruberto, che coordina l´indagine, potrebbe chiedere un decreto penale di condanna. Ma Boscoliero avrà modo di difendersi; come è già avvenuto altrove, nel Vicentino, i titolari di centri finiti nel mirino della procura lamentano la mancata applicazione di un´autorizzazione europea.

Tagged under: processo scommesse

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.