Ma la linea per Schio non può restare fuori

L´INCONTRO. A Dueville i rappresentati dei Comuni e della Regione

Donazzan: «Lavoriamo con Rfi per inserirla nel progetto Tav». Fracasso: «Recuperare le risorse»

«Per la Tav non c´è solo Vicenza, ma anche il resto del territorio provinciale». Lo ha affermato l´assessore regionale Elena Donazzan durante l´incontro di ieri al centro Arnaldi di Dueville, organizzato per discutere dell´inserimento della linea Vicenza-Schio all´interno del progetto alta velocità. Per Donazzan, membro della giunta con delega ai trasporti, l´obiettivo è recuperare finanziamenti per incrementare i servizi sulla tratta.

«La Tav deve essere collegata anche a un bacino come quello scledense che conta 180 mila abitanti, questo significa realizzare una vera integrazione. E lo dico anche all´amministrazione provinciale che mi è parsa un interlocutore abbastanza assente. Nella contrattazione con Rfi e Trenitalia stiamo lavorando per inserire nel progetto delle migliorie anche alla Vicenza-Schio». Le opere che la Regione vorrebbe veder realizzate si rifarebbero a un progetto preliminare di sette anni fa. «Al tempo la previsione indicava un investimento di 100 milioni di euro», ha spiegato Stefano Angelini, direttore della sezione infrastrutture della Regione. «Con l´intera opera sarebbero stati eliminati i 25 passaggi a livello creando dei sottopassaggi, oltre allo sdoppiamento dei binari dove la linea è unica. Le condizioni di bilancio degli scorsi anni però non hanno consentito di dare seguito all´iniziativa. Oggi, però, si potrebbe pensare al solo inserimento di due binari dove ce n´è solo uno, per un costo stimato di 10 milioni di euro. Questo permetterebbe di offrire un servizio con due treni all´ora anziché uno». All´incontro erano presenti i rappresentanti dei Comuni attraversati dai 31 chilometri di tratta. «La Regione ci deve credere e cogliere questa occasione per la Vicenza-Schio», ha sottolineato Andrea Zorzan, assessore ai lavori pubblici di Thiene. «Da un lato c´è un´utenza interessata, ma dall´altro problematiche nel fornire il servizio - ha aggiunto il consigliere regionale Stefano Fracasso -. In un primo studio di fattibilità sulla Tav era previsto un finanziamento per questa tratta: è necessario recuperarlo». Infine, si è discusso anche degli orari cadenzati in relazione a quelli delle scuole di Thiene e Schio. «Mi impegno a convocare un tavolo con i presidi - ha concluso Donazzan - per trovare una soluzione».

Tagged under: treno

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.