La truffa con l´assegno gli costa il processo

Gilberto Morato, 43 anni, oggi residente a Brendola in via Palladio (avv. Zanni), è a processo davanti al giudice Maria Trenti. L´imputato deve rispondere di un´ipotesi di truffa per episodi che risalgono all´estate del 2007 ed avvennero a Dueville.
All´epoca dei fatti, Morato era titolare di una piccola impresa individuale che aveva sede a Montecchio Precalcino, e che si occupa di lavori elettrici. Nel giugno di sette anni fa l´imputato si era rivolto alla società “Crv srl”, con sede a Dueville, che vendeva all´ingrosso materiale elettrico; Morato doveva compiere dei lavori e acquistò parecchio materiale, facendoselo consegnare direttamente in un cantiere di Asiago dove stava lavorando. Quindi si apprestò a pagare il dovuto, e staccò un assegno di 43 mila euro. Ma quel titolo si rivelò essere, stando a quanto emerso dalla procura, carta straccia: il titolo era relativo ad un conto corrente che era stato chiuso da qualche mese. Il titolare della “Crv” cercò di mettersi in contatto con l´artigiano, che si era reso in quel periodo irreperibile, non prima di aver portato via dal cantiere il materiale che gli era stato consegnato. Per questo era scattata l´inchiesta della procura, che ha ipotizzato la truffa. Se ne discuterà in aula.

Tagged under: truffa processo

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.