La Regione dà l´ok al centro equestre

CALDOGNO. Passo in avanti per il progetto La giunta veneta ha decretato l´effettiva rilevanza dell´opera Il sindaco: «Lavori al via in estate»

È arrivata giusto in chiusura d´anno la spinta decisiva che potrebbe far partire già all´inizio dell´estate il monumentale progetto del centro equestre di Caldogno. Lo scorso 30 dicembre la giunta del Veneto ha infatti decretato l´effettiva rilevanza regionale del centro polifunzionale per le attività e gli sport equestri ideato dal patron di Askoll Elio Marioni, che guadagna così un partner di primissimo piano. Ad anticipare la notizia è il presidente della commissione bilancio regionale ed ex sindaco di Caldogno Costantino Toniolo, soddisfatto del buon esito dell´iter, avviato ad agosto su iniziativa del Comune di Caldogno. «Questo passaggio è un tassello fondamentale a favore della realizzazione di un progetto che sarà motore di sviluppo per Vicenza e il suo hinterland», annuncia Toniolo. Il progetto prevede un parco botanico di 60 mila mq, un´area sportiva con arena scoperta e coperta che potrà ospitare fino a 4500 persone, scuderie, club house con bar, sala riunioni, ristorante e ancora biglietteria, magazzini, spogliatoi, ufficio informazioni. Un piano faraonico, per un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro: il centro infatti non sarà destinato esclusivamente ad iniziative legate al mondo dell´ippica. Come ricorda Toniolo, la struttura potrà ospitare anche concerti, musical, spettacoli e manifestazioni di numerose discipline sportive. «Basta solo avere fantasia, capacità progettuale e rimboccarsi le maniche» sottolinea il consigliere. Ottenuto l´appoggio della Regione, l´iter burocratico dovrebbe procedere ora speditamente: tutto si svolgerà in sede di conferenza dei servizi, che vedrà la partecipazione anche degli altri enti coinvolti nel progetto, dalla Provincia a Acque Vicentine. «Probabilmente saranno necessari tre o quattro riunioni della conferenza, al termine delle quali verrà redatto un verbale finale - spiega il sindaco Marcello Vezzaro - dopodichè, a chiudere il procedimento, sarà il presidente della Regione Luca Zaia, con la firma del decreto per l´approvazione definitiva del progetto». La palla passerà poi nelle mani del promotore, che dovrà depositare il piano esecutivo in Comune, per il rilascio del permesso di costruire. «Siamo fiduciosi e se tutto va liscio già per la prossima estate potrebbero partire i lavori». Uno scenario che porterebbe certamente una boccata d´ossigeno all´economia locale, con ricadute positive sull´occupazione, grazie all´assunzione di personale e sulle attività dell´indotto, esercizi commerciali, ristorazione e alberghi.

Tagged under: centro ippico

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.