La marcia del fiume fino al Livelon

DUEVILLE. I due percorsi di 5 e 10 chilometri

E' alla 4a edizione

Nonostante le nuvole in cielo e una temperatura più rigida rispetto agli scorsi giorni, sono stati più di 400 i podisti che ieri hanno partecipato alle 4° edizione della marcia non competitiva “Su e so per il tarajo del Bacchiglion”, organizzata dall´associazione Corri con Noi. Dopo il ritrovo alle 7 in piazza San Pio X a Vivaro, dalle 7.30 alle 9.30 gli appassionati sono partiti per affrontare gli itinerari di 5 e 10 km. Il percorso si è snodato sull´argine del Bacchiglione, appunto il “tarajo”, attraversando la frazione duevillese e il territorio di Caldogno. La prima tappa è stata predisposta al ponte Marchese di Vicenza. Da lì i partecipanti hanno fatto dietrofront per poi raggiungere la chiesa di Cresole e quindi tornare in piazza a Vivaro. I più allenati, invece, hanno scelto di affrontare l´itinerario più lungo. «Ho partecipato alle quattro edizioni di questa marcia», spiega a fine corsa Michele Pezzato di San Pietro in Gu. «Mi piace correre - aggiunge - lo faccio ogni domenica, poi se lo si fa fiancheggiando il fiume è ancora più bello». Per i coniugi di Dueville Vitaliano Barbieri e Antonia Rosa l´appuntamento podistico porta alla mente i ricordi di gioventù. «Oltre all´area meravigliosa dal punto di vista naturalistico, questa marcia ci ha riportato a visitare tutte quelle zone che frequentavamo da giovani», raccontato. «Come la spiaggia del Liveon a Polegge, che in passato è stato il “centro balneare” di Vicenza”. «Camminando tra gli alberi e i fiori, guardando l´acqua che oggi era cristallina, mi sentivo in pieno contatto con la natura», conclude Luigina Panozzo. M.B.

Tagged under: Vivaro marcia

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.