La guru di giallozafferanno va matta per il nostro baccalà

IL PERSONAGGIO. Parla l´ideatrice del celebre sito leader del settore
E il guru di GialloZafferano va matta per il nostro baccalà
Sonia Peronaci di recente a Vicenza: «Non me lo faccio mai mancare quando sono in zona»

Una media di sei milioni di utenti unici al mese, con picchi di due milioni al giorno (a Natale dell´anno scorso). Duemila ricette, centinaia di video - tradotti anche in inglese - e 7 mila blogger che utilizzano la piattaforma. Le cifre sono da capogiro quando si parla di Sonia Peronaci e della sua creatura, GialloZafferano.it.
Non a caso, il Consorzio tutela formaggio Asiago ha scelto lei come presidente di giuria del contest CheeSfida, partito sul web e conclusosi all´Università del gusto di Creazzo con una prova dal vivo dei quattro finalisti.
Milanese, cresciuta in una famiglia di ristoratori, unendo la passione per i fornelli a quella per il web, nel 2006 ha pubblicato le sue prime ricette on line corredando i testi con le immagini. Una novità per l´epoca.
Poi nel 2009 il salto di qualità con l´acquisizione del brand da parte di Banzai, l´internet company italiana che ha fatto di GialloZafferano il sito di cucina più cliccato nel nostro Paese, dal quale molto s´impara dei gusti degli italiani. «Il tiramisù, le crêpes, la pasta alle vongole e alla carbonara, sono le ricette più viste in assoluto. Con Sicilia, Puglia e Piemonte tra le regioni che ci seguono di più - spiega Peronaci -. Le persone inoltre si appassionano tantissimo alle preparazioni dei dolci lievitati, ma in generale guardano i piatti più veloci, quelli che si preparano in una mezzoretta".
E qual è il piatto preferito della regina dei food blogger italiani? "Mi piacciono le ricette semplici, con pochi ingredienti di stagione. E il baccalà alla vicentina. Ogni volta che vengo da queste parti, non me lo faccio mancare".

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.