L´Arma dovrà pagare l´affitto

La proposta è di 9.200 euro all´anno, come per la stazione
Tenenza dei Cc

Inizialmente i Comuni dovevano darla in comodato gratuito per sei anni, ma ora il Ministero ha deciso che lo Stato pagherà

Non più comodato d´uso per i primi sei anni, ma un affitto pagato ai Comuni che hanno cofinanziato la caserma: è questo l´accordo proposto dal Ministero degli Interni, tramite il prefetto, per la tenenza di via della Repubblica.

Una proposta che in questi giorni è in fase di approvazione nelle cinque giunte e che risulta addirittura migliore di quanto accordato tra le parti nel 2010. Al posto di sei anni di comodato d´uso gratuito, lo Stato si è impegnato a versare un canone di locazione di quasi 9.200 euro annui a Dueville, Caldogno, Monticello Conte Otto, Costabissara e Montecchio Precalcino. Ovvero quanto attualmente corrisposto a Dueville per la stazione dei carabinieri di via Busnelli. Sottoscrivendo il contratto d´affitto, inoltre, l´Arma avrà la possibilità di entrare nella struttura anticipatamente rispetto alla firma, presumibilmente dunque entro gennaio.
L´approvazione è avvenuta da parte di tre amministrazioni. Infatti, a Montecchio e Costabissara una clausola contrattuale ha rischiato di spaccare il fronte dei Comuni.
«La questione riguarda la manutenzione ordinaria: queste spese non possono essere a carico dei Comuni, ma di chi utilizzerà l´edificio», ha dichiarato il sindaco di Montecchio Fabrizio Parisotto. «Nel documento da approvare, in un primo momento, sembrava che questo tipo di impegno economico sarebbe dovuto ricadere sulle nostre spalle. In seguito però ci sono giunte rassicurazioni verbali: ci è stato confermato che non saremo noi a doverci preoccupare per la manutenzione ordinaria».
È sulla stessa linea anche Maria Cristina Franco, primo cittadino di Costabissara.
«Non abbiamo dato parere positivo alla delibera proprio perché, analizzando il testo, abbiamo rilevato condizioni impegnative. Vogliamo che sia rispettoso tanto nei confronti del codice civile quanto verso gli enti locali».
I sindaci di Caldogno, Monticello Conte Otto e del Comune capofila del progetto, Dueville, hanno provveduto all´approvazione già la scorsa settimana.
«Abbiamo agito in tal modo perché così facendo i carabinieri potranno iniziare a trasportare parte del mobilio all´interno della caserma», ha dichiarato Marcello Vezzaro, primo cittadino di Caldogno. «Sono convinto che ci sarà margine per trattare prima della firma del contratto».
«Sono d´accordo - ha aggiunto il collega Claudio Benincà di Monticello Conte Otto - come sono convinto che, essendo l´edificio nuovo, con tanto di garanzie, il canone annuo coprirà ampiamente i costi». Per il sindaco di Dueville Giusy Armiletti la cosa più importante è che la tenenza diventi operativa il più presto possibile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tagged under: caserma

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.