Logo

In bici fino a Capo Nord e ritorno «Vinta la sfida di solidarietà»

DUEVILLE. Iniziativa di sensibilizzazione lunga 4.300 chilometri con avvio di una raccolta fondi
Rientrati Loretta Pavan e Giuseppe Rizzotto dalla spedizione allestita per poter aiutare i pazienti dell'oncologia dell'ospedale "San Bortolo"

Loretta e Giuseppe, tra gli applausi e gli abbracci di decine di cittadini accorsi davanti al municipio per salutare i due duevillesi che il 17 agosto hanno raggiunto in bici Capo Nord. Un viaggio lungo 20 giorni, partito da Arco in Trentino, per la coppia di intrepidi ciclisti che ha affrontato 4.300 chilometri e oltre 30 mila metri di dislivello per aiutare gli "Amici del 5° Piano", un gruppo di volontari nato per sostenere i malati oncologici ricoverati al San Bortolo. «Non abbiamo mai pensato di fermarci nonostante le difficoltà che, dobbiamo ammetterlo, ci sono state», hanno raccontato Loretta Pavan e Giuseppe Rizzotto giovedì sera davanti a villa Monza. «La più impegnativa è stata la caduta di Giuseppe, poco prima di Varsavia. Ma si è ripreso e siamo ripartiti. È stato lo scopo del nostro viaggio a spronarci ad andare avanti, anche quando la fatica e il sonno si facevano sentire, con i 220 km di media percorsi quotidianamente e le tre o quattro ore di sonno al giorno che ci concedevamo». I duevillesi hanno attraversato Austria, Svizzera, Germania, Repubblica Ceca, Polonia, le Repubbliche baltiche, Finlandia e Norvegia per promuovere una raccolta fondi per la loro finalità solidale. Acquistando simbolicamente i chilometri percorsi da Pavan e Rizzotto, durante il viaggio sono stati raccolti 5 mila euro che andranno a sostenere i progetti degli "Amici del 5° Piano". Tutte le spese affrontate nell'avventura sono state coperte dagli sponsor che hanno aderito alla causa mentre tutte le donazioni sono state destinate allo scopo benefico dell'iniziativa. «Un servizio che ad oggi è stato utilizzato da oltre 100 persone e per il quale c'è una lista d'attesa di due mesi. Il prossimo obiettivo sarà l'apertura, tra ottobre e novembre, dell'ambulatorio di supporto psicologico». Viaggio tra popoli e culture, quello dei due ciclisti solidali. «In bici hai il tempo di osservare i luoghi e le persone che incroci», ha spiegato Rizzotto. «Ringraziamo tutti per il sostegno».

Tagged under: solidarietà
Democratici per Dueville © - All rights reserved.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.