Il radicchio DeCo versatile in cucina Salutare e prelibato

PRODOTTI TIPICI. Quello di Asigliano è di tipo precoce o tardivo

Ottimo crudo e anche nei risotti Depurativo, basso apporto calorico

Croccante e dal gusto sapido e con un finale leggermente amarognolo, in grado di garantire proprietà diuretiche e depurative. Mangiare il Radicchio rosso di Asigliano Veneto De.Co. (Denominazione comunale) consente di affrontare al meglio la stagione fredda invernale.Nasce su terreni sabbiosi e argillosi in cui c'è una buona disponibilità d'acqua. Le sue foglie dall'inconfondibile colore rosso sono percorse da nervature bianche e il cespo è di dimensione medio-grande nel caso della varietà precoce che viene seminata nella seconda metà di luglio con raccolta tra ottobre e novembre, a differenza di quella tardiva (maggiormente adatta alla prolungata conservazione) che viene seminata all'inizio di agosto e raccolta fino a gennaio.Il Radicchio rosso di Asigliano Veneto De.Co. è ottimo crudo se preparato come insalata. Cotto, invece, ha la sua massima espressione gustativa nei risotti e nei condimenti per sughi da utilizzare per condire la pasta; esalta le torte salate ed è ottimo come contorno, se fatto appassire in forno o in una padella. Il radicchio, che pare sia stato introdotto nel territorio della Repubblica di Venezia verso il Quattrocento, in passato era considerato un prodotto di poco conto, da usare soprattutto per l'alimentazione del bestiame, mentre le radici macinate, una volta essiccate e tostate, rappresentavano un valido sostituto del caffè.Per il suo basso apporto calorico e per le sue caratteristiche è indicato nei casi di stipsi, anemia e insonnia. È un alimento depurativo e può aiutare nei casi di difficoltà di digestione.In generale, il radicchio rosso come tutti i vegetali di questo colore è ricco di antiossidanti e quindi ha proprietà benefiche per l'organismo. Grazie alla sua versatilità in cucina si trasforma in un ottimo ingrediente per svariate ricette: l'abbinamento classico è con la ricotta, per creare ravioli, pasta al forno o gustose crepes. Inoltre, con l'aggiunta di gorgonzola e noci, può essere un elemento gastronomico indicato per i risotti; interessante anche il suo abbinamento con la pancetta oppure con la salsiccia per condire un piatto di tagliatelle all'uovo fatte saltare in padella per concentrare il sapore del condimento.Infine, non vanno dimenticati piatti della tradizione in cui il radicchio diventa l'alimento principe per riuscire a valorizzare una zuppa di fagioli con l'immancabile cotenna oppure la polenta morbida servita calda per ricoprire scaglie di Asiago stagionato (in accompagnamento al radicchio brasato).

Tagged under: radicchio

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.