IL DURELLO NEI CALICI

IL PERSONAGGIO. Il vino vicentino-veronese ha un nuovo protagonista

Gianni Tessari, 52 anni, è al timone della "Marcato"
Ha presentato le sue bollicine in parallelo con Franciacorta e Champagne. E ha retto il confronto

Il Lessini Durello si arricchisce di un nuovo protagonista. Lo spumante autoctono vicentino-veronese può ora contare anche sull'apporto di Gianni Tessari, 52 anni, subentrato alla famiglia Marcato nella gestione della storica azienda di Roncà, che coltiva 55 ettari e produce 400 mila bottiglie. Fondata nel 1904, Marcato rappresenta da sempre una delle etichette di riferimento per la valorizzazione (anche attraverso il metodo classico) del vitigno tipico della Lessinia.Quello di Tessari è un nome noto nel mondo enologico veneto. Con il fratello Amedeo ha fondato nel 1986 la cantina Ca' Rugate a Monteforte d'Alpone, di cui si è occupato degli aspetti produttivi inanellando una serie notevolissima di premi. Per 14 volte ha ottenuto i Tre bicchieri, massimo riconoscimento per la guida vini del Gambero Rosso.Nel 2013 è uscito dalla Ca' Rugate ed è entrato nella Marcato, cogliendo la sfida del Durello, a fianco degli altri vini prodotti nel territorio di Soave e dei Colli Berici, dove l'azienda coltiva le uve rosse.Il battesimo del nuovo corso è avvenuto con una degustazione organizzata con il patrocinio del Consorzio tutela vino Lessini Durello al Golf club Colli Berici di Brendola. Un percorso che, partendo dalle bollicine di casa, ha portato in Franciacorta per arrivare ad alcune blasonate etichette di Champagne: "Dalla degustazione - spiega Tessari - è emersa chiaramente l'impronta territoriale e varietale del Durello. Non era nostra intenzione fare una classifica tra i vini, quanto sottolineare le differenze di stile e di territorio". Il Durello, a detta dei numerosi degustatori e giornalisti di rilievo nazionale presenti, è risultato un vino di carattere, severo, a tratti nervoso, in grado di esprimersi nella verticalità. Negli anni ha dimostrato di raggiungere equilibrio ed eleganza che nulla hanno da invidiare ai francesi, pur mantenendo un'impronta territoriale riconoscibile e franca. Ne è un esempio il Lessini Durello "AR" Marcato che dopo 10 anni di permanenza sui lieviti esprime una grande complessità gusto-olfattiva. Un vino premiato dalla guida "Vinetia" di Ais Veneto come miglior Metodo Classico della regione.Il territorio della Lessinia è segnato da suoli di origine vulcanica legati alla presenza del monte Calvarina. I terreni sono composti da tufi e basalti, ricchi di ferro, magnesio e moltissimi altri micro-elementi che attraverso l'uva si trasferiscono al vino conferendogli una caratteristica sapidità minerale. L'approccio rigoroso impresso oggi da Gianni Tessari alla Marcato esalta queste caratteristiche, riducendo al minimo i dosaggi e utilizzando per le basi spumanti il 100% di uva durella (il disciplinare consentirebbe un 15% di altre varietà). "La vera sfida - confida Tessari - per un vino ancora poco noto come il Durello è quella di portare il consumatore ad assaggiarlo per la prima volta. Siamo sicuri che poi continuerà a chiederlo, spesso sostituendo altre bollicine più blasonate".

Tagged under: vino durello Tessari

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.