«Ho voluto creare quei vini che ritenevo introvabili»

LA NOVITÀ. Debutta una nuova linea creata da Roberta Moresco

Sono Azzardo Rosso e le bollicine di Cuvée. Realizzati anche grazie a Maculan e Speri

Sull'etichetta ha unito nome e cognome: Roberta Moresco. Ne è uscita una terza parola. Perché l'ultima vocale del nome e le prime quattro lettere del cognome formano la parola "Amore". E l'ha voluto sottolineare mettendo in rosso sull'etichetta questo risultato, che non è soltanto un gioco verbale ma ha un significato profondo per lei. Segno non solo della passione-amore che ha per il vino, ma anche dell'atteggiamento positivo verso il mondo. Questa è la prima caratteristica che colpisce di fronte alle etichette di Cuvée e Azzardo Rosso, i vini firmati da Roberta Moresco che sono stati presentati ufficialmente nella location del Castello superiore di Marostica. Roberta, sommelier e imprenditrice vicentina, ha maturato un'ampia esperienza nel mondo del vino: come selezionatrice e responsabile forniture dell'Associazione Italiana Sommelier Veneto, come delegata Ais di Vicenza dal 2010 al 2014 e come titolare dell'enoteca Emmebi, insieme al marito Guerrino Bortolomiol. L'obiettivo di Roberta è preciso: realizzare i vini che non è mai riuscita a trovare, ma che sognava di assaggiare. Ha chiamato semplicemente Cuvée lo spumante millesimato Dry, prodotto con uve Chardonnay e Glera, e Azzardo Rosso un inedito uvaggio di Pinot Nero e Corvina. Vini che ha realizzato con la collaborazione di tre importanti produttori: Fausto Maculan, della Cantina Maculan; Luca Speri, di Speri Viticoltori; Enrico Martellozzo, di Belussi Spumanti. «Mi sono regalata un sogno - racconta Roberta Moresco - dopo tante etichette conosciute e scoperte nel tempo, ho deciso di realizzare vini che immaginavo di assaggiare e far degustare, ma che non ho mai trovato. E ho deciso di metterci la firma. Un progetto che mi ha divertito e appassionato, senza mai perdere di vista l'attenzione e l'impegno nel seguire ogni dettaglio della produzione. Grazie anche all'aiuto degli amici-produttori che mi sono stati vicini in questa avventura».Il Cuvée millesimato Dry è realizzato con un uvaggio di Glera (70%) e Chardonnay (30%) sottoposto a rifermentazione con Metodo Charmat per 70 giorni. Il tenore zuccherino (22 grammi/litro) trova un perfetto equilibrio in una buona sapidità e una decisa freschezza, conferendo eleganza e classe. Un vino dalle mille sfumature, adatto sia all'aperitivo che a dolci di frutta e a pasta lievitata.I vini sono stati personalmente controllati e selezionati da Roberta in fase di affinamento. Azzardo Rosso nasce dall'idea di unire due uve molto diverse ma complementari. L'uvaggio è per il 60% di Corvina, proveniente dall'azienda Speri in Valpolicella, vinificata tradizionalmente in rosso con una macerazione di 10 giorni, per poi riposare in vasche di cemento vetrificato. Il restante 40% è di Pinot Nero, prodotto dalla Cantina Maculan a Breganze, vinificato in tini di acciaio con follature quotidiane e quindi affinato 12 mesi in barrique di rovere. Dal taglio dei due è uscito un vino dai profumi ricchi e complessi, gusto morbido accompagnato ad un tannino deciso. Un vino che si abbina a carni e formaggi. Qualche tempo fa, in un'intervista Roberta Moresco spiegava: «Ho il Vespaiolo nel cuore, ma i consumatori evoluti sono sempre in cerca di qualcosa di nuovo. I riflettori continuano a restare puntati sugli spumanti, considerati una carta sempre vincente».

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.