Gira per le strade armato di coltello - Cercava vendetta

DUEVILLE. Ieri mattina bloccato due volte dai carabinieri della tenenza

Un 38enne fermato con tre lunghe lame, una cesoia e un cacciavite nello zaino. In mano aveva una spranga
È stato denunciato dopo una lite con un connazionale

Camminava per le strade di Dueville armato di un tubo di ferro, in cerca forse di vendetta e creando il panico tra i passanti. Il grave episodio è avvenuto ieri, verso le 12, quando in via Cittadella un passante spaventato ha dato l'allarme.Sono così arrivate due pattuglie dei carabinieri della tenenza, che hanno fermato il cittadino ghanese S.K. di 38 anni, operaio residente a Dueville. Immediatamente si sono accorti che si trattava della stessa persona che, poco prima, in via Valdastico era stato fermato perché teneva in mano un coltello. Scattata la perquisizione sono stati trovati, nello zaino che aveva sulle spalle, tre coltelli da cucina con lama di circa 30 centimetri, una cesoia e un cacciavite. È stato così denunciato per i reati di porto abusivo di armi e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli. L'extracomunitario, alla vista dei militari dell'Arma, ha dato in escandescenza ma poi è stato portato su più miti consigli dagli uomini del capitano Davide Rossetti e del suo vice, il sottotenente Federico Saracini.L'extracomunitario si sarebbe giustificato con i militari dell'Arma sostenendo che il suo gesto di camminare per strada armato di spranga era dovuto a un tentativo di difesa. Avrebbe raccontato, infatti, che precedentemente c'era stata una lite con un suo connazionale per motivi sembra passionali e temendo per la propria vita, aveva deciso di portare con sé un palo nel caso avesse incontrato di nuovo il rivale. Visto che l'uomo era in evidente stato di agitazione, dopo averlo calmato, i carabinieri sono riusciti a sottrargli il tubo di metallo, evitando così che la situazione potesse degenerare, mentre nel frattempo è arrivata in via Cittadella, dove era stato fermato la seconda volta, un'ambulanza del Suem. I sanitari del 118 hanno così preso in carico il nordafricano e lo hanno trasportato d'urgenza all'ospedale San Bortolo di Vicenza.Tutto si è risolto nel migliore dei modi, ma la situazione sarebbe potuta degenerare senza il tempestivo intervento dei carabinieri. Al vaglio dei militari dell'Arma c'è tutto il racconto del 38enne compresa la vicenda della precedente lite avvenuta con un connazionale.

Tagged under: arresto

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.