«Ghiaia pericolosa» Veleni sulla ciclabile

DUEVILLE. È stata aperta da poco ma è già al centro della polemica

L'assessore: «Una scelta obbligata per i vincoli» - La minoranza. «Il sindaco assediato dai "suoi"»

Non a tutti i cittadini piace la nuova pista ciclopedonale che corre lungo via Milana. Il percorso, ultimato da poco, primo stralcio del progetto che collegherà Dueville a Vivaro, sta sollevando qualche polemica. Il problema è il ghiaino sul quale le ruote delle biciclette farebbero fatica a procedere. Alcuni si chiedono il motivo di questa scelta, altri la criticano e basta. «La nostra idea era quella di creare una pista in asfalto», spiega l'assessore ai lavori pubblici e alle politiche ambientali Paolo Ronco. «La Soprintendenza, però, ci ha comunicato che per affetto dei vincoli su villa Da Porto Pedrotti, il percorso doveva per forza essere realizzato in ghiaino e calce. Una soluzione suggestiva, ma impercorribile e soggetta a manutenzione onerosa. L'unica alternativa è stata creare la pista esattamente come una volta venivano costruite le strade. Su un fondo di cemento prima abbiamo gettato uno strato di bitume, poi uno di asfalto e infine uno di ghiaino pressato». Secondo l'assessore il problema, oggettivo, è momentaneo: «l'asfalto sotto al ghiaino non si è ancora sufficientemente raffreddato, a causa anche delle alte temperature. Ma nel giro di sei mesi la ghiaia superficiale verrà assorbita e quella in eccesso verrà spazzata via dal vento e dalla pioggia o, nel caso in cui non avvenisse, da un nostro intervento. Per farsi un'idea di come diventerà basta percorrere la ciclabile che da Fontaniva arriva a Tezze sul Brenta. La ditta che l'ha realizzata è la stessa». «La Soprintendenza dice che non si può asfaltare - ribatte il capogruppo dei grillini - forse si doveva pensare prima a questo particolare». Per il consigliere di Dueville Futura, Nicola Zaffaina, «il progetto non ha particolari problemi se non che il secondo stralcio sarà invasivo. Questa polemica è uno degli ulteriori attacchi che una fronda interna alla maggioranza sta portando avanti. L'amministrazione Armiletti riuscirà a mantenere a reggere a questo assedio dei suoi?».

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.