Due bici a fin di bene, ecco 5 mila euro

Domani sera i protagonisti del viaggio fino a Capo Nord racconteranno la loro avventurosa attraversata
Loretta Pavan e Giuseppe Rizzotto hanno raccolto fondi donati al reparto di oncologia del S. Bortolo

Quasi due mesi dopo aver portato a termine l'impresa, Loretta Pavan e Giuseppe Rizzotto incontreranno i cittadini duevillesi per raccontare il loro viaggio verso Capo Nord. "2 Bici e 1 Sogno" è il titolo dell'appuntamento che domani andrà in scena alle 20.30 nel centro Arnaldi di via Rossi. Durante la serata i due ciclisti di Dueville racconteranno (con l'ausilio di diverse foto e video) il loro viaggio lungo venti giorni, iniziato da Arco, sul versante Trentino del lago di Garda, e terminato il 17 agosto a Capo Nord. La coppia ha pedalato per 4.300 chilometri, coprendo oltre 30 mila metri di dislivello con un unico obiettivo: combattere il cancro e aiutare gli "Amici del 5° Piano", un gruppo di volontari che sostiene i malati oncologici ricoverati nell'ospedale San Bortolo di Vicenza. Nell'appuntamento, patrocinato dal Comune di Dueville, Pavan e Rizzotto descriveranno la loro avventurosa traversata europea partita dall'Italia e proseguita per Austria, Svizzera, Germania, Repubblica Ceca, Polonia, le Repubbliche baltiche, Finlandia e Norvegia.Un viaggio emozionante durante il quale sono stati raccolti 5 mila euro per l'ambulatorio nutrizionale avviato lo scorso novembre nel reparto di oncologia dell'ospedale di Vicenza. La serata sarà un'ulteriore occasione per sostenere i progetti degli "Amici del 5° Piano": chiunque volesse effettuare una donazione, infatti, avrà la possibilità di entrare in contatto direttamente con i rappresentanti del gruppo di volontari. «Quello che vorrei trasmettere è almeno una parte delle emozioni provate in quei venti giorni», spiega Loretta Pavan.«Sarà un incontro per ribadire ancora una volta il motto, "mai mollare ce la posso fare", e per evidenziare quanto sia importante mettersi sempre in gioco, cercare sempre di combattere con le unghie e con i denti».

Tagged under: solidarietà

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.