Criticità abitative Villa Colpi Salvetti finisce sotto i ferri

Chiesto un contributo regionale
Lavori agli impianti e ai serramenti Armiletti: «Usata per emergenze»

Ammonta a 200 mila euro il contributo regionale che intende richiedere l'amministrazione comunale di Dueville per riqualificare il villino Colpi Salvetti, a Povolaro. «Abbiamo appena approvato uno studio di fattibilità riguardante questa struttura, documento al quale entro la fine del mese seguirà un progetto definitivo-esecutivo: il termine ultimo da rispettare per poter aderire al programma di sviluppo rurale per il Veneto, e quindi richiedere i fondi, è il 28 marzo», spiega l'assessore ai lavori pubblici, Davide Zorzo. Previsti adeguamento e messa a norma degli impianti termoidraulico ed elettrico, oltre alla sostituzione di serramenti e sanitari e alla risoluzione di un lieve problema d'umidità. Si tratta di opere il cui costo verrebbe coperto dal contributo regionale e la giunta sta valutando un'eventuale compartecipazione alle spese. L'edificio, tutelato dalla Soprintendenza di Verona, è stato realizzato tra il 1500 e il 1600 ed è di proprietà comunale dagli anni '40 quando Sofia Salvetti, vedova Colpi, lasciò questa struttura al Comune. Fino al 2011, lo stabile è stato abitato dalle Piccole Suore della Sacra Famiglia. «Da dicembre 2014 la struttura è stata utilizzata per rispondere a emergenze abitative», spiega il sindaco Giusy Armiletti. Quattro anni fa, il Comune «non aveva ancora definito ed elaborato nel dettaglio questa finalità per la struttura, ma l'emergenza dettata dall'incendio di una palazzina avvenuto a Passo di Riva ci ha portati ad aprire le porte del villino. Successivamente, abbiamo pensato a una ristrutturazione funzionale dello stabile, compatibile sia con un utilizzo abitativo in caso di situazioni critiche che con la storia della struttura», conclude Armiletti.

Tagged under: lavori pubblici Povolaro

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.