Confartigianato «Ecco i Comuni che tassano meno»

L'INDAGINE. Il Centro studi ha misurato l' "attrattività fiscale" in Veneto

Sono soprattutto i trevigiani a spiccare in classifica per i prelievi dovuti a Imu,Tasi, Irpef, rifiuti e acqua «E spesso chi chiede meno è anche più efficiente»

Di paradisi fiscali, da queste parti, non se ne parla proprio. Ma le tasse non sono uguali per tutti, negli oltre 500 Comuni del Veneto, e quindi vale la pena di andare a vedere le differenze di municipio in municipio, come ha fatto il Centro studi di Confartigianato Veneto che per la terza volta ha elaborato la classifica dell' "Indice di attrattività comunale dal punto di vista fiscale". Una classifica che ha escluso i centri più piccoli e tiene conto di 118 Comuni, avendone dovuto escludere 38 perché non avevano inviato il dato sugli oneri di urbanizzazione. È una classifica a doppia valenza. Perché da una parte è intuitivo che le aziende mirino a insediarsi dove è più bassa la pressione fiscale locale, che peraltro è solo una parte di quella globale che grava sulle aziende. Ma dall'altra parte tra i numeri emerge spesso anche un'altra verità, come sottolinea il presidente Luigi Curto basandosi sui dati Open Civitas tasse(Ministero dello sviluppo economico e società Sose): paradossalmente, chi spende meno spesso ha anche servizi più efficienti.I COMUNI EFFICIENTI. «Emerge con chiarezza - rimarca infatti Curto - una stretta correlazione tra attrattività fiscale ed efficienza nei servizi erogati». E alla fine, al di là della classifica che lo mette tutti in fila, è quasi l'intero gruppo dei Comuni veneti a uscirne promosso. Perché la media nazionale dice che i "Comuni efficienti" (spendono meno rispetto al cosiddetto "fabbisogno standard", ma erogano più servizi) sono il 34,1%. Invece gli "efficienti" tra i veneti sono il 67%, e la percentuale sale addirittura a quasi tre su quattro tra i 118 municipi a cui Confartigianato ha assegnato un voto nella sua pagella. Numericamente è solo un quinto di tutti i Comune, ma in tutto l'analisi riguarda «il 59% della popolazione veneta, il 53,3% delle imprese artigiane e il 59% delle attività imprenditoriali regionali».I PRIMI: SPICCA TREVISO. La classifica tiene conto quindi della pressione fiscale di Imu (immobili), Tasi (servizi comunali), Tari (rifuti e pulizia), oneri di urbanizzazione, aliquota Irpef, servizio idrico, tariffe di fognatura-depurazione. Tra le novità di questa nuova rilevazione, segnala Confartigianato, c'è la media tra diverse aliquote catastali per uffici, negozi, laboratori, edifici industriali. E tra i primi dieci Comuni veneti per attrattività fiscale spicca un veneziano, quel Cavallino Treporti che d'estate ospita anche molti turisti balneari, ma la parte del leone è del Trevigiano che occupa i posti dal 2° al 5° e registra ben cinque Comuni su dieci, inframmezzati dal padovano Campodarsego e seguiti da tre veronesi. In questa classifica generale il Vicentino fa brutta figura: bisogna scendere al 27° posto per trovare il primo Comune, Dueville, e poi al 50° per trovare il secondo: Thiene, seguito a ruota da Sandrigo.I CAPOLUOGHI: VICENZA IN TESTA. Proprio il Comune capoluogo, Vicenza, si rifà nella classifica avulsa dei capoluoghi di provincia. È solo al 59° posto della classifica totale, ma supera Belluno che è al 64°, e poi Venezia (86a) e poi oltre il 90° posto si trovano via via Verona, Treviso, Padova e Rovigo.LE CLASSIFICHE PARTICOLARI. Se si vanno a vedere infine le singole voci della classifica, per l'Imu il Comune più virtuoso è quello veronese di Negrar (0,72% di aliquota media), mentre tra i peggiori spiccano Rovigo, Adria e Monselice. Per la Tasi spiccano Venezia, Padova, Rovigo e altri dove l'aliquota è zero, mentre sono in fondo alla classifica (con 0,25%) Verona, Treviso, Montebelluna, Piazzola sul Brenta e altri. Per la Tari (rifiuti) il Comune più esoso è Venezia, un dato logico. Per l'addizionale Irpef il migliore è Cittadella, per la fognatura Musile, Caorle, S. Donà ed Eraclea.

Tagged under: tasse

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.