Logo

Bollette raddoppiate

Ancora proteste per le fatture di Acque Vicentine
Dure critiche dalla Cisl
Il responsabile della sede cittadina: «La reazione degli utenti è sacrosanta» Convocata un´assemblea

La polemica sulle bollette salate di Acque Vicentine non accenna a diminuire. Ora ha deciso di schierarsi anche la Cisl con i cittadini infuriati per le fatture da pagare all´azienda che gestisce la rete idrica comunale. A puntare il dito è Giuseppe Meridio, responsabile della sezione duevillese del sindacato. «È giusta e sacrosanta la reazione della cittadinanza per la “pesantezza” della bolletta di Acque Vicentine», scrive in un comunicato. «Anche se era chiaramente annunciata con la precedente fatturazione, in scadenza il 22 marzo 2013 per il pagamento dell´anno 2011, non posso dire di non essere rimasto sorpreso e rammaricato per la cifra». Per far fronte ai molti interrogativi, Meridio ha chiesto al servizio Cisl Adiconsum di organizzare un´assemblea pubblica. «Non solo per analizzare la bolletta in sé, ma affrontare le modalità e soprattutto i costi», precisa. «Credo non sia sfuggito a nessuno, ad esempio che la tariffa fognature per il 2012 ha subito un aumento del 5,62 per cento rispetto al 2011 e del 13,42 per cento nel 2013 sul 2012. Anche i costi per la depurazione sono cresciuti rispettivamente del 13,73 e del 13,42 per cento». Tra le righe del comunicato, Meridio sottolinea che queste cifre sarebbero da confrontare con i costi di coloro che usufruiscono dell´acquedotto negli altri paesi, utenti senza spese per l´installazione della pompa, per la manutenzione e per l´energia. «Se Acque Vicentine sulla bolletta avesse evidenziato fin da subito la possibilità del pagamento a rate, per le fatture sopra i 160 euro, non ci sarebbero stati tutti questi problemi e tutte queste polemiche», aggiunge. É ancora Fabio Trolese, direttore generale di Acque Vicentine, a rispondere agli interrogativi. «Gli aumenti sulle tariffe non sono decisi da noi, ma dall´Aato Bacchiglione che a sua volta fa riferimento alle direttive nazionali», spiega. «In una logica corretta di tutela del consumatore non è il gestore a stabilire i prezzi, ma l´autorità d´ambito. La possibilità di rateizzare la bolletta, poi, è disponibile già dagli scorsi anni e richiedibile fin da subito». «Infine – conclude Trolese – i costi per la fognatura e la depurazione a Dueville non sono superiori a quelli degli altri Comuni. Anzi in altri paesi si paga di media il 40 per cento in più per l´aggiunta del servizio acquedotto».

Tagged under: tasse
Democratici per Dueville © - All rights reserved.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.