Ben Hur è squattrinato e capovolge l'Italia

RASSEGNA. Per Radici questa sera a Dueville
Il teatro popolare de La Moscheta fa sorridere ma al tempo stesso invita a una riflessione contemporanea

DUEVILLE Cambio di programma nella rassegna di teatro popolare Radici a Dueville: per problemi tecnici alle 20.45 di oggi non sarà lo spettacolo "Signori si nasce... cornuti si diventa" , ma la compagnia La Moscheta di Colognola ai Colli con "Ben Hur". La commedia in due atti di Gianni Clementi, per la regia di Daniele Marchesini, narrerà le vicende di Sergio, uno squattrinato uomo di mezza età, ex stuntman di successo, costretto a fare il centurione davanti all'Arena per sbarcare il lunario. La concorrenza è tanta e gli affari iniziano a scarseggiare. Nel frattempo Maria, la sorella separata con cui vive per dividere l'affitto, impiegata in una chat line erotica, perde il lavoro. L'arrivo di Milan, clandestino bielorusso, improvvisamente rivitalizza la precaria economia domestica. La commedia, pur con toni divertenti, intende interpretare un argomento attuale come quello dell'immigrazione. Con lo spettacolo verrà infatti proposta una situazione capovolta, in cui l'italiano non è più immigrato sfruttato e schiavo, come Ben Hur, bensì padrone sfruttatore. Biglietto d'ingresso intero a 8 euro, ridotto a 5 euro.

Tagged under: teatro Busnelli

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.