Assessore lascia il Comune per battere la sete in Africa

DUEVILLE. Chiamato a lavorare per il Centro comune di ricerca della Commissione europe

Ronco aiuterà 15 università da tempo impegnate nella ricerca su pozzi e acqua. Svilupperà le capacità degli ingegneri locali raccogliendo dati legati al clima

Dal municipio di Dueville al Centro comune di ricerca della Commissione europea per un progetto di sostegno alle università africane impegnate nella ricerca sull'acqua. Da settembre Paolo Ronco lascerà la carica di assessore ai lavori pubblici, alle politiche ambientali e alla mobilità sostenibile per diventare il responsabile dell'"African center of excellence on water".Laureato in ingegneria ambientale e con un dottorato in idrodinamica, inizierà a lavorare a Varese con l'obiettivo di fornire un supporto tecnico indipendente e basato sull'evidenza scientifica alle politiche dell'Unione europea. «Il progetto che seguirò per i prossimi 4 anni ha due finalità: la prima è incrementare, lavorando con l'Unesco, la formazione e sviluppare i curricula di ricercatori e ingegneri collaborando con quindici università africane; la seconda è fornire gli strumenti per la ricerca creando, ad esempio, un database georeferenziato che raccolga i dati climatici. Ciò permetterà alle istituzioni locali di avere adeguati supporti scientifici per prendere decisioni politiche inerenti all'ambito idrogeologico, ma non solo».Ronco collaborerà con un network composto da 15 centri di eccellenza universitari in Ghana, Burkina Faso, Nigeria e Senegal, ma anche Sudafrica, Malawi, Zambia, Mozambico, Zimbabwe, Namibia e Botswana.«In Europa c'è una media di 2.500 ingegneri per ogni milione di persone, mentre in Africa sono solo 35 - aggiunge - La finalità è garantire alle popolazioni africane interessate dall'iniziativa le competenze e gli strumenti necessari per operare autonomamente in campo idrico. Per questo progetto lavorerò tra Ispra di Varese e Bruxelles, effettuando anche sopralluoghi in Africa».Ronco non è nuovo a esperienze di questo tipo: per sei anni ha seguito progetti di cooperazione internazionale nell'ambito della gestione dei rifiuti e delle risorse in Mozambico e inerenti invece all'acqua, ai pozzi e agli acquedotti in Tanzania.«Nelle mie passate esperienze supportavo direttamente le popolazioni, mentre ora opererò per supportare le istituzioni - conclude - Ringrazio il sindaco e la maggioranza per questa bellissima esperienza in Consiglio comunale in questi due anni, ma anche le minoranze per critiche e proposte».

Tagged under: consiglio comunale

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.