Asparagi e baccalà

Asparagi e baccalà: un abbinamento da provare. Un equilibrio di gusti che colpisce.

Asparagi e baccalà: un abbinamento da provare. Un equilibrio di gusti che colpisce. Certo, ci vuole un esperto di stoccafisso norvegese per saper creare la ricetta giusta, quella che lascia stupiti e soddisfatti. Ci vuole, naturalmente, un´ottima materia prima e anche la capacità per saperla utilizzare al meglio. Tutte qualità che alle Due Spade di Sandrigo si tramandano da generazioni, di padre in figlio, da un Luigi a un Giovanni, in una famiglia di ristoratori che ha festeggiato i 130 anni di lavoro.La serata A tavola con l´asparago ha consentito a Giovanni Pozzan e al figlio Luigi (appassionato come il padre di Juventus, hockey e cucina) di presentare alcuni nuovi piatti davvero interessanti. Innanzitutto le guancette di baccalà in saor e asparagi, ultima novità del locale. Si tratta di un´idea di Giovanni che ha realizzato in un batter d´occhio con risultati eccellenti. Il gusto del pesce trova negli asparagi e nel saor un suo efficace equilibrio e complemento. Del resto, il palato veneto conosce bene il saor: è un´antica tradizione veneziana: si utilizzava questa salsa per conservare il pesce sulle navi. Ma il figlio Luigi, buon sangue non mente, ha cucinato un risotto di alto livello, unendo gli asparagi al caviale di baccalà e a poche gocce di aceto balsamico. La sapidità del caviale si è sposata perfettamente con l´acidità degli asparagi e la dolcezza dell´aceto.Nella serata gli asparagi sono stati declinati in numerose altre varianti: quelli bianchi hanno accompagnato l´alce norvegese (anche in questo caso una novità interessante) mentre quelli verdi il guanciale di manzo. Gli asparagi crudi hanno fatto corona alla testina di vitello. Come dolce è stata presentata una bavarese alla grappa e crema di asparagi.

Tagged under: baccalà asparagi

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.