Askoll chiude in Piemonte

Oggi corteo di protesta

Oggi una delegazione di lavoratori piemontesi dell´Askoll sbarcherà a Dueville per protestare contro la chiusura dello stabilimento di Castell´Alfero, dove si producono motori per lavatrici. Ieri mattina, infatti, il gruppo vicentino ha comunicato alla rappresentanze sindacali la decisione di procedere alle chiusura della sede astigiana dove sono attualmente impiegati 223 dipendenti. Si sono così concretizzate le preoccupazione dei lavoratori, che da due settimane stanno scioperando davanti ai cancelli dello stabilimento di Castell´Alfero, bloccando di fatto la spedizione delle merci.
«Avevamo già la percezione che la proprietà si stesse organizzando per la chiusura - spiega Silvano Uppo, della Uilm Uil di Asti - e probabilmente il blocco delle spedizioni ha sollecitato l´azienda ad agire. Ieri ci hanno comunicato che lo stabilimento verrà chiuso il prossimo 7 giugno, e di conseguenza i lavoratori saranno messi in mobilità dato che per loro non è prevista la cassa integrazione straordinaria».
La manifestazione inizierà alle 11 in piazza Monza, da dove partirà il corteo che si recherà alla Askoll Holding di via Industria, nella frazione di Povolaro. A.D.I.

Tagged under: askoll

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.