Agnus, dedicato a Valdagno dalla Sicilia

IL VINO. È frutto dei terreni a Baglio di Pianetto, a 20 km. da Palermo
Agnus, dedicato a Valdagno dalla Sicilia di Paolo Marzotto

Viene giù dal Carega, sopra Recoaro. Segna una valle, le ha dato il nome anche se nasce solo come torrente, destinato ai capricci del meteo. Impetuoso, questo sì. L´Agno può diventarlo anche se evoca nel nome un animale tenero e remissivo come l´agnello. «Beh, tutto si può dire del nonno tranne che sia un agnello. Direi piuttosto un leone, se vogliamo stare in tema» ride Ginevra Notarbartolo di Villarosa, nipote di Paolo Marzotto. Si chiama “Agnus” il vino che il conte Paolo ha voluto per rendere omaggio al luogo dov´è nato, a Valdagno, città lungo il torrente omonimo. Un vino rosso rubino, intenso, dai profumi complessi come le gestazione per metterlo a punto. L´enologo ha lavorato di intrecci sugli esiti dei vitigni che la tenuta di Baglio di Pianetto, in Sicilia, ha messo in produzione dal 1997, quando Paolo Marzotto la rilevò per farne un luogo di qualità nell´enologia e nell´accoglienza. Sul resort e sulle cantine vigila ora la bionda e tenace Ginevra, che ha raccolto il testimone dalla nonna Florence.
A venti chilometri da Palermo, a Santa Cristina di Gela, nell´entroterra nella zona del doc Monreale, il Baglio domina una novantina di ettari di cui quattro quinti sono produttivi: l´altitudine è quella giusta, 650 metri. Si producono Insolia, Merlot, Petit Verdot, Cabernet Sauvignon, Viognier. Altri 70 ettari li hanno aggiunti in seguito nel sud dell´isola, a Noto, con la cantina Baroni, terra di elezione di Nero d´Avola e Moscato di Noto. E anche di Syrah.
Tra le etichette - quattordici in tutto - “Agnus” è una produzione singolare limitata, presentata al recente Vinitaly. «Se devo spiegarlo? Non lo so, volevo un vino siciliano come gli altri, ma anche che mi rappresentasse». Conte Paolo, ma di quali vitigni è frutto? A scavare ancora non si arriva alle radici: «Guardi, il lavoro è dell´enologo - replica - Io ho voluto fare diverse prove in anni successivi, fino a che mi ci sono ritrovato. Sono i nostri vini della campagna, Agnus viene da lì».
“Non si può decidere dove nascere ma si può decidere dove vivere”: Paolo Marzotto è nato a Valdagno, da quasi vent´anni pratica la Sicilia dove si sente a casa ed ha unito in questa bottiglia di rosso la razionalità delle sue origini e l´espressività della terra che lo accolto come vitivinicultore.
Quattro anni bastano appena a descrivere la maturazione di questo vino. Agnus è un vino Riserva 2010, l´unico con la firma di Paolo Marzotto, privo di scheda tecnica, di denominazione, l´unica anagrafe è l´annata sul tappo. Un vino sulla fiducia, un vino per ricordare le emozioni dell´infanzia trascorsa nella valle lungo il fiume, dove furono imprenditori il bisnonno ed il nonno, fino al padre di Paolo, Gaetano, imprenditore del tessile che ha segnato con la Città sociale il volto di Valdagno.

Tagged under: vino Marzotto Agnus

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.