Accetta sui cedri - Piovono critiche sulla nuova piazza

DUEVILLE. Criticato durante le assemblee il progetto preliminare

Bocciata pure da due ex assessori anche se l'intento del Comune è di farne un luogo di incontro

L'idea del Comune era di farne un luogo di incontro, ma il progetto della nuova piazza di Dueville sembra aver trovato più critiche che consensi. «Dopo 40 anni volevamo ridare spazio ai pedoni e alla socialità» spiega l'assessore ai lavori pubblici Paolo Ronco. Il progetto è ora in fase preliminare, con l'idea di avere a settembre un documento definitivo che permetta di accedere a finanziamenti europei tramite un bando regionale. Nella bozza di restyling del centro è provvisoriamente previsto l'abbattimento di alcuni cedri presenti davanti al municipio e questo ha scatenato una sollevazione popolare durante le assemblee pubbliche. Si tratta di alberi che risalgono agli anni '40. Fra chi ha criticato il progetto anche gli ex assessori ai lavori pubblici Roberto Carollo - che ha proposto un referendum per valutare se mantenere il verde esistente - e all'urbanistica Modesto Gazzola - che ha definito i cedri un patrimonio per il paese.«"Nulla è definitivo», spiega Ronco. «Fino alla prossima settimana sarà possibile depositare osservazioni in Comune».

L'intento della giunta è «trasformare il centro in un luogo d'arrivo e non più di transito», aggiunge Ronco. «La previsione è di passare dagli attuali 84 a 212 alberi in piazza Monza. Con l'inizio dei lavori nessun cedro verrà abbattuto: la gestione del verde terrà conto sia della crescita naturale delle piante che delle indicazioni dell'amministrazione. Nelle fasi successive avremo un'idea più precisa della convivenza tra progetto e alberi esistenti». Il progetto prevede l'allargamento del marciapiede davanti ai negozi che da Via IV Novembre arriva in via Dante, con una larghezza media tra i 7 e gli 11 metri. È previsto un nuovo asse ciclopedonale tra via Rossi e la stazione. La nuova piazza Monza si svilupperà davanti al municipio con un lastricato intervallato da fontane a pavimento. Sarà carrabile come l'adiacente piazza del mercato. Per collegare la biblioteca, il parco Baden Powell e la chiesa, si creerà il "viale dei Platani", un percorso pedonale e ciclabile con platani ai lati. Il progetto sarà realizzato a stralci.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.