L'angolo della poesia

Dedichiamo al sindaco di Dueville Giusy Armiletti questa ode in lingua veneta. Assieme agli auguri di un proficuo e intenso lavoro a beneficio della nostra comunità tutta.

 

Giusy fà el boto

Giusy, prima a Dovile,
lo ga dito 'e votassion,
xela sindaco o sindachessa
la ga stra-vinto le elession.

La xe partìa pianelo
seben che i supiava soto,
ela non se decideva
e pareva on gran casoto.

Ma co' la ga ingranà la marcia
e la ga scaldà el motore
la xe partìa in quarta...
la pareva on tratore.

La se ga tirà a lustro
e tirà fora el bon-ton,
el vestito con la firma
e pa' fotografo, quelo bon.

La ghe jera dapartuto
e a tute le riunion,
municipio, scola, piassa
e anca in cesa e le funsion.

La ga messo soto tuti:
suore, preti e anca i santi,
veci xovani e toseti
bianchi e neri, tuti quanti.

Al ventisinque magio
ghe xe el sole par votare,
ma el dì dopo, ala conta,
piove... e i altri pol criare.

Invense qua la Giusy
con li amissi pol brindare,
sia proseco o no-alcol
tuti pole festegiare.

Novo sindaco a Dovile
xe la Giusy che fà el boto,
e li altri varda imatonii
come fusse el teremoto.

Purtroppo in ogni competizione ci sono vincitori e vinti. Anche ai secondi (e pure ai terzi) vogliamo dedicare quest'altre rime. E anche  a loro vogliamo augurare un sereno lavoro.

Dovile futura

Con sète santi sinboli
Nicola xe ndà in guera,
e de drio i capi veri
sconti soto tera.

Xente vecia e conosuda
che pa' far bela figura,
so' la lista de Dovile
i ghe ga xontà “futura”.

Matrimonio d'intaresse
pure de ciapare voti,
ma con tuti i partiti
i se consolerà a goti.

Tanti baldi giovanoti
par Dovile del futuro,
se i voleva fare el boto...
i ga sbatuo contro el muro.

La Cornelia dei petardi
coi so' bocoli in vista,
la xe brava a fare dani
ma solo a la so' lista.

A Tognato, dopo tanto,
toca ancora de spetare,
consiliere minoransa
così pole inparare.

Par Tosin, che sora tuti,
el gaveva esperiensa,
a Dovile i ga deciso:
minoransa e penitensa.

Bon lavoro a Benigni
che in botega el ga rason;
e a Nicola, in boca al lupo!
par le prossime elession.


M5S

I grejeti de Dovile
i xe nati in primavera,
i pareva mile e mile
da coerxere la tera.

I ndaseva a testa bassa
e 'so internè i parlava,
i pareva senpre tanti
ogni dì i se contava.

I sognava a sinque stele,
gera tuto da rifare,
par canbiare el mondo intiero:
on movimento da votare.

Una lista tuta nova
che la “rete” ga passà,
tuti quanti messi in fila
e che Grillo ga firmà.

Tuti bravi a “smanetare”
e anca a criticare,
del Comune no' i sa gnente
i ga voja de desfare.

I ga visto el Municipio
solo in fotografia,
saputeli e prepotenti
no' xe questa 'a giusta via.

E la xente de Dovile
che varda anca la TV,
se con Grillo se diverte
vota chi gh'in sà de più.

Golzato alora resta solo
in Consilio Comunale
a difendere l'onore
“sinque stele” cascà male.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.